Perché il cervello va in tilt e spinge alcune persone a compiere atti di violenza sulle donne?

2 pensieri su “Perché il cervello va in tilt e spinge alcune persone a compiere atti di violenza sulle donne?

  1. Buonasera, oltre al cervello delle done ha analizzato anche quello degli uomini? Forse anche loro sono programmati male e semplicemente una donna che è abituata a vivere in ambienti svalutanti riconosce come familiare e normale un uomo violento e che anche lui se analizzato ha delle problematiche di interpretazione e filtraggio errato dlela realtà. Trovo abbastanza inaccettabile la sua analisi secondo cui l’uomo è neutrale ed è la donna che funzionando male fa esasperare un uomo che poverino per non ammalarsi a deve per forza picchiare.

    1. Buonasera Maria Antonietta,
      grazie per il commento tuttavia credo ci sia stato proprio un equivoco: non intendevo in alcun modo dire che l’uomo è neutrale e che la donna fa esasperare l’uomo! Anzi, semmai il mio pensiero è proprio il contrario: chi si arrabbia nasconde un corto circuito che avviene tra alcune aree del proprio cervello per cui chi si arrabbia, in qualche modo, ha la colpa sempre e comunque.
      Mi scuso se nel video non sono stato abbastanza chiaro e se dalle mie parole è trapelato ciò che lei ha inteso: può indicarmi cortesemente qual è il passaggio poco chiaro del video che ho pubblicato così da poterlo analizzare ed eventualmente correggere?
      La ringrazio molto e resto a disposizione per ulteriori informazioni.

      Tancredi Militano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *